From 25 to 30 November BLACK FRIDAY OFFER

Brut Rose

Brut Rose

Vendor
Alain Reaut (BIO)
Regular price
€55,00
Sale price
€55,00
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included.

MAGGIORI INFORMAZIONI:

 È un rosé de saignée coinvolgente e dal colore intenso, ottenuto dalla macerazione a contatto con le bucce per 24/36 ore, vinificato in acciaio e senza malolattica. Spensierato e coloratissimo rosé dai profumi esuberanti che miscelano la fragola, il lampone a note più nobili, selvatiche, come il ribes, il rovo, il tamarindo. Un sorso costruito con mano virtuosa fresco, succoso, saporito, di impeccabile distribuzione al palato e con un finale che lascia squillare le vibrazioni più sapide e minerali della sua terra.


SCHEDA GOOSTAVO:

Annata: s.a.
Vitigni: Pinot noir  100% 
Alcol: 12%
Dosaggio: Brut (6 g/l di zucchero)
Mesi sui lieviti: 
Temperatura di servizio: 6/8 °C
Abbinamenti: antipasti, pesce, crostacei, formaggi.
Paese di provenienza: Francia
Allergeni: contiene solfiti

Capacità: 0,75 lt

Il produttore

ALAIN RÉAUT COURTERON, 
Côte Des Bar RM, produzione 30.000 bottiglie/anno 
Agricolture biologique et biodynamique certication ECOCERT et DEMETER.

Alain Réaut, insieme a Eric Schreiber e Jean-Pierre Fleury, fa parte di quel ‘trio Courteron’ che, nella seconda metà degli anni ’80, decise di abbandonare le pratiche in voga all’epoca dei cloni e dell’impiego massiccio della chimica in vigna per un ritorno alla viticoltura naturale, percorso che, da allora, non conosce sosta. Una dedizione ossessiva quella di Alain, precisa e attenta a tutto quello che coinvolge il lavoro dell’uomo in vigna, in quella terra che lui ama tanto. Siamo a pochissimi chilometri dalla Borgogna, è facile qui innamorarsi di quei vigneti che posano sugli stessi suoli Kimmeridgiani, respirarne appieno la potenzialità e riempirsi l’animo di quei colori forti, vividi, capaci di tessere scenari impossibili da dimenticare. Terza generazione di una famiglia di viticoltori, dopo gli studi di viticoltura e vinificazione prende, nel 1978, insieme alla moglie Thérèse, l’azienda famigliare con sede nel piccolo villaggio di Courteron. Nel 1993, dopo anni di tentativi e sperimentazioni, Alain Réaut converte tutti i suoi vigneti in biodinamica. L’interesse per questa filosofia diventa totale, supportata da una ricerca incessante e attenta che ha, come unica missione, quella di lavorare in vigna nel modo più integro e salubre possibile in grado di portare nei calici dei consumatori piacere, autenticità, massima trasparenza. Insieme al figlio Alexandre, al quale ha da poco passato il testimone, ogni processo, ogni singolo passaggio nel rispetto per la natura e per i suoi cicli è davvero assoluto, intervenendo solo quando strettamente necessario.

L’Alain Réaut possiede 11 ettari di vigneti impiantati per l’85% a pinot noir, il 10% a chardonnay e il restante 5% a pinot gris. Dopo anni di esperienze e ricerche, oggi produce da sé composti organici ed è diventato il più grande fornitore a terzi, non solo nell’Aube.

Se i grandi produttori occupano un posto prezioso nella nostra vita di appassionati è perché sono capaci di lasciare un segno. Gli champagne di Alain Réaut, appartengono appieno alla schiera di quelli per cui vale la pena lasciarsi andare all’assaggio. Puri, cristallini, salmastri (kimmeridge) di estrema piacevolezza, energici e pulsanti.

In una sola parola, vivi.